• PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)
  • PROGETTO ART STUDIO (in corso)

PROGETTO ART STUDIO (in corso)

Il progetto ART STUDIO nasce per dare l’opportunità ai bambini e ragazzi del St.Jude di sperimentarsi in attività creative con l’utilizzo di materiali di diverso tipo, per apprendere nuove competenze, divertirsi e crescere grazie alla presenza di educatori e volontari competenti.

La casetta dove si trova l’Art Studio si trova all’entrata del St.Jude e si compone di 2 stanze, una destinata ai laboratori e una dove vengono esposti i lavori svolti. Un’altra attività che fa parte del progetto è il confezionamento di prodotti da vendere in loco e in Italia durante le manifestazioni alle quali partecipa l’associazione VolontariAmo con il St.Jude.

Nell’aprile 2017 l’associazione ha voluto dare fiducia ad una nuova dipendente del St.Jude, JACKIE ATIM, che si occupa di portare avanti le attività dell’Art Studio iniziate da Carmen, comboniana laica ideatrice di questo laboratorio, che ha vissuto al St.Jude per circa 3 anni.

La sua richiesta di sostenere il progetto è subito piaciuta al CDA dell’associazione che ha deciso di finanziare per un primo anno lo stipendio di Jackie e coprire i costi di acquisto materiale per portare avanti i laboratori.

Nell’agosto 2017, io (Silvia) e Laura, una volontaria con la passione della moda e affezionata al St.Jude, sono scese a Gulu per monitorare il progetto e capire, insieme a Jackie e Josephine (coordinatrice), come impostare al meglio l’attività per garantire continuità nel futuro.

E’ stato un lavoro di vera collaborazione, dove ognuno ha potuto esprimere le proprie idee e sentirsi parte attiva del progetto. La storia di Jackie ci ha fatto capire quanto sia importante per lei questo lavoro e la sua energia e determinazione ci fanno tuttora credere che i progetti devono prima di tutto crescere dal basso e condivisi al cento per cento.

Vi presentiamo le prime idee pensate da Laura e Jackie con la collaborazione di una seconda sarta che già lavorava al St.Jude, Grace, diventata mamma all’inizio del mese di settembre. Benvenuto Acii!!

 

 

CondividiShare on FacebookEmail this to someone
  • PROGETTO ARREDAMENTO DORMITORIO (in corso)
  • PROGETTO ARREDAMENTO DORMITORIO (in corso)
  • PROGETTO ARREDAMENTO DORMITORIO (in corso)
  • PROGETTO ARREDAMENTO DORMITORIO (in corso)
  • PROGETTO ARREDAMENTO DORMITORIO (in corso)
  • PROGETTO ARREDAMENTO DORMITORIO (in corso)
  • PROGETTO ARREDAMENTO DORMITORIO (in corso)

PROGETTO ARREDAMENTO DORMITORIO (in corso)

Il dormitorio del St.Jude Children’s Home è stato ristrutturato nell’anno 2016. I lavori svolti hanno provveduto al rifacimento del tetto, delle tramezze interne, dei serramenti e dei bagni. La spesa è stata coperta da un prezioso donatore di Fratel Elio Croce.

La funzione di questa struttura è principalmente quella di accogliere le famiglie dei bambini disabili o ammalati che necessitano di cure e assistenza presso il St.jude e come struttura per gli ospiti che partecipano a meeting, seminari e convegni di formazione organizzati dal St.Jude e da altre organizzazioni.

VolontariAmo con il St.Jude ha voluto impegnarsi per coprire i costi dell’ ARREDAMENTO interno e degli impianti dell’acqua calda.

Oggi il dormitorio si compone di 14 stanze, due con bagno privato. I bagni in comune sono composti da 6 wc turche, 6 docce e 2 wc con seduta utilizzabili anche da persone con disabilità.

Ogni stanza è stata arredata con:

  • letti (2 per stanza)
  • sostegno per la zanzariera
  • zanzariera
  • lenzuola
  • coperte
  • cuscini
  • materassi
  • coprimaterasso
  • sedie

I bagni sono stati arredati con:

  • spazzole per i wc
  • specchi
  • porta accessori e sapone

Sono in fase di installazione gli impianti solari per fornire l’acqua calda e l’acquisto degli accessori per il bagno. Le sedie erano già presenti al St.Jude e le zanzariere sono state fornite dal governo ugandese.

IL COSTO TOTALE DEL PROGETTO E’ DI 6.500 EURO.

CondividiShare on FacebookEmail this to someone

RIABILITA’: IN PIEDI A PIU’ MANI

1000x1000px_postFB_coltiviamo_20Quest’anno i Supermercati Poli, Regina e Orvea in occasione della terza edizione del concorso “Coltiviamo i vostri progetti” ha selezionato la nostra associazione per sostenere il progetto “RI-ABILITA’: IN PIEDI A PIU’ MANI”, un aiuto concreto per i bambini disabili del St.Jude e per 400 persone persone che vivono nei villaggi vicini.

Per aiutarci è possibile donare i propri punti Duplicard accumulati con la spesa presso i Supermercati Poli, Regina e Orvea in Trentino Alto Adige. Ecco l’articolo che descrive il nostro progetto!

LEGGI IL PROGETTO

 

CondividiShare on FacebookEmail this to someone

Grazie alla Cooperazione Decentrata Valdagnese per il suo contributo!

Grazie alla Cooperazione Decentrata Valdagnese che quest’anno ha deciso di aiutare il St.Jude finanziando il PROGETTO ESSICATORE.

La tenuta agricola del St.Jude produce ogni anno buona parte delle provviste per i bambini. L’essicazione è una fase importante ma, a causa delle piogge improvvise, spesso si rischia di perdere il lavoro di un intera settimana. Per questo Fratel Elio ha deciso di costruire un essicatore. Si tratta di una costruzione di 15,50 mt per 7 mt, alta 225 e ricoperta di lastre di vetroresina trasparenti per far passare il sole e scaldare la stanza ma, allo stesso tempo, ventilata per impedire che il mais e i fagioli si cuociano. L’essicazione è una fase importante per la conservazione degli alimenti che poi vengono immagazzinati nei silos e sigillati per essere utilizzati al bisogno oppure venduti. La parte della vendita rientra nel progetto “MICROCREDITO” gestito dalle mamme della Consolation Home.

CondividiShare on FacebookEmail this to someone